Come ottenere un indirizzo australiano

Se si vuole viaggiare per diversi mesi in Australia, avere un indirizzo fisico australiano è utile, e in alcuni casi risulta indispensabile, per una serie di motivi pratici.

È strettamente necessario esibire un indirizzo australiano (che non sia una casella postale, o PO Box) se si vuole aprire un conto in banca, attivare una SIM card, comprare e registrare un veicolo, registrarsi con Medicare (assistenza sanitaria), ottenere il Tax File Number (TFN). E questi sono solo alcuni esempi.

Come ottenere un indirizzo fisico in Australia? A nostro avviso, ci sono quattro possibilità.

  • Hotel o ostello di soggiorno: se avete prenotato un ostello o un hotel per il vostro arrivo in Australia, verificate con la direzione che offrano ai loro clienti la possibilità di ricevere posta, e a quali condizioni. Attenzione però, perché spesso le banche non accettano indirizzi di hotel come residenziali.
  • Bed & Breakfast: questa via è più semplice, soprattutto se l’avete trovato via Airbnb. Chiedete con un certo anticipo al vostro host se potete fornire l’indirizzo del B&B come vostro indirizzo postale, e per quali servizi: conto in banca, Vehicle Registration, Medicare, compagnia telefonica.
  • Amici o parenti in Australia: ancora più facile. Avete amici, amici di amici o lontani parenti che vivono in modo stabile in Australia? Chiedetegli se potete utilizzare il loro indirizzo per le vostre pratiche. Attenzione: per registrare un veicolo che avete acquistato, serve un indirizzo nello stesso Stato in cui viene effettuata la registrazione.
  • Indirizzo virtuale: su internet si trovano diverse aziende che offrono un servizio di indirizzo fisico virtuale in Australia. Per una tariffa di solito annuale, vi danno un indirizzo fisico da utilizzare per le vostre comunicazioni, sul vostro curriculum, eccetera; e vi scannerizzano tutta la posta in entrata, inviandone una copia digitale via email. Non abbiamo provato alcuno di questi servizi, e non sentiamo di consigliarne uno in particolare. La soluzione è però un po’ dispendiosa, considerando che l’utilità dell’indirizzo è fondamentalmente quella di ricevere una carta di credito, una carta Medicard e il TFN, oltre che di utilizzarlo come conferma per l’acquisto di un veicolo o di una SIM card.

In qualsiasi delle prime tre situazioni, consigliamo di programmare un soggiorno iniziale allo stesso indirizzo di almeno tre settimane, periodo che permette di effettuare le domande di applicazione per conto in banca, Medicare, eccetera, e di ricevere per posta i documenti e le carte richieste, prima di partire.

Altro accorgimento: tenete al minimo le comunicazioni via posta tradizionale. Fermate da subito l’invio di estratti conto e comunicazioni commerciali da parte della banca. Chi usa ancora gli estratti conto, poi? Rendicontazione online. Stessa cosa per la compagnia telefonica.

Nel caso abbiate a disposizione un indirizzo fisico australiano prima di arrivare in Australia, potete accelerare i tempi ordinando dall’Italia una SIM card di Amaysim, che è anche molto conveniente e include dieci dollari di credito.

Condividi