Come contenere le spese

Money Jar

Se state viaggiando in Australia con un campervan, o volete intraprendere un’avventura del genere, ecco le regole d’oro per contenere le spese quotidiane.

Viaggiare da soli o in compagnia?

Un avventura in Australia viaggiando assolutamente da soli risulterà sicuramente più che memorabile. Ma considerate che viaggiando in coppia, molte spese di fatto si dimezzano: il grosso della spesa totale (campervan, benzina, campeggi e soggiorni, manutenzione) sarà diviso a metà. Se siete in tre o quattro, ancora meglio. E il resto dei costi, in generale, si ammortizza.

Addio, cattive abitudini

Se bevete alcol tutti i giorni, è l’occasione buona per darci un taglio. Le bevande alcoliche costano molto, soprattutto nei pub (spesso più di dieci dollari a birra media).

Se fumate, considerate di smettere o di diminuire drasticamente le quantità: pacchetti da 40 sigarette costano tra i 22 e i 30 dollari. Anche il tabacco da rollare costa parecchio.

Fare la spesa: dove e come

Ogni volta che fate la spesa al supermercato, cercate lo scaffale dei “reduced”: cibo fresco a prezzo stracciato, perché la data di scadenza si avvicina.

Girate per gli Op shop (da “opportunity shop”, ossia negozi equo-solidali): ce ne sono almeno un paio in quasi tutte le località. Vestiti, libri, attrezzatura da campeggio, eccetera, a prezzi molto bassi. E in più, quello che spendete va in beneficenza.

Come risparmiare sulla benzina

Approfittate degli sconti sulla benzina che vengono offerti da catene di supermercati come Woolworths e Coles. Serve ottenere una Everyday Rewards Card (per Woolworths) e una Flybuys Card (per Coles), e, in base a quanto spendete nei rispettivi supermercati, vi viene riconosciuto uno sconto dai 4 agli 8 centesimi per litro di benzina. Tre o quattro dollari di sconto ad ogni pieno.

Ovviamente, guidare in modalità fuel economy aiuta: no alle accelerazioni rapide e alle frenate brusche; mai mandare il motore troppo su di giri; no all’aria condizionata, e finestrini possibilmente chiusi; evitare di superare gli ottanta all’ora.

Risparmiare su campeggi e soggiorni

Campeggiate nelle aree di sosta gratuite e ufficiali. Alcune sono attrezzate, altre no. Ce ne sono parecchie, distribuite su tutto il territorio australiano. Bisogna adattarsi ad avere servizi base, ma si risparmia parecchio, considerato che una notte in un caravan park costa in media 40 dollari, e una in un campeggio nei parchi nazionali intorno ai 14 dollari. Il modo migliore per individuare le aree di sosta gratuite è utilizzare Camps Australia Wide, o l’applicazione WikiCamps.

Soggiornate gratis in famiglie (cibo incluso) in cambio di qualche ora di lavoro al giorno. Se capitate nel posto giusto, i giorni di lavoro vengono anche conteggiati per il rinnovo del visto per un secondo anno. Registratevi su HelpX e pagate la tariffa biennale (normalmente è di 20 euro, 14 grazie al nostro sconto).

Telefono e internet

Evitate i contratti di telefonia mobile. Utilizzate una sim prepagata, che vi permetta anche di acquistare dei pacchetti di mobile data per utilizzare internet on the go. Un buon compromesso è quello offerto da Amaysim.

In generale, non serve spendere soldi per l’accesso ad internet (WiFi a pagamento in caravan park, hotel, ostelli, internet cafe, eccetera). In quasi tutti i centri urbani c’è una biblioteca, e in quasi tutte le biblioteche viene offerto ai visitatori l’accesso ad internet gratuito. Anche i Visitor centre spesso hanno un WiFi pubblico di cui si può usufruire. In alternativa, tutti i McDonalds offrono WiFi gratis (50MB di utilizzo), e alcuni supermercati Woolworths hanno una rete wireless a cui ci si può collegare (My Woolies WiFi), così come la catena Target.

Un tocco tipicamente italiano

Chiedete sconti, sempre: è una pratica a cui sembra gli australiani non siano molto abituati (quella di ricevere richieste di sconto per i servizi erogati). Armatevi di sorriso smagliante e chiedete timidamente uno sconto o un omaggio quando portate il furgone a riparare, quando arrivate in un caravan park, quando fate acquisti alle bancarelle. Ne rimarrete piacevolmente sorpresi.

Per altri consigli specifici su come risparmiare in determinate località dell’Australia, tenete d’occhio gli articoli taggati con “costi”.

Condividi

Potrebbe anche interessarti...